Quanti Denti Ha Il Megalodonte?

Quanti Denti Ha Il Megalodonte
I denti del Megalodonte – Una caratteristica sorprendente che riguarda gli squali è che i loro denti sono organizzati per file, e mentre quelli più vecchi, verso l’esterno cadono, se ne formano nuove file dietro di essi, passando ad occupare un posto più frontale.

Uno squalo durante l’arco della sua vita può arrivare a cambiare tra i 20 ed i 30.000 denti. Va osservato però che gli squali sono animali dallo scheletro cartilaginoso e non hanno ossa. I denti sono importanti per parlare del Megalodonte, perché la ricostruzione di questo animale si è fatta a proprio a partire dai fossili dei suoi denti ! Il Megalodonte è estinto da circa due milioni di anni, e l’unico modo di averne tracce sono i resti fossili.

È molto difficile che le cartilagini si fossilizzino, invece i denti degli squali si fossilizzano con grande facilità. Si sono ritrovati resti fossili dei denti di Megalodonte fin dagli albori delle civiltà, ma si è ipotizzato cosa fossero solo attorno al 1667.

  • Il registro fossile riguardante il Megalodonte può contare con denti, alcune parti centrali delle vertebre e coproliti, cioè feci fossilizzate; a partire da questi dati si è ricostruito il suo aspetto, le sue abitudini e le ragioni per cui si estinse.
  • I denti fossilizzati di Megalodonte misurano 18 cm di lunghezza e 17 cm di circonferenza.

Il numero totale di denti presenti nella mandibola di un esemplare di Megalodonte erano circa 250 e si distribuivano su 5 file. Le stime sulle caratteristiche fisiche di questo predatori si elaborano a partire appunto dai resti fossili e da comparazioni con lo squalo bianco attuale.

Quanti sono i denti dello squalo?

28 Ago Squalo bianco: 8 curiosità che non sapevi – Posted at 12:42h in Articoli I grandi squali bianchi: 8 curiosità per conoscerlo meglio 1. Superpredatore I grandi bianchi sono definiti superpredatori, ciò significa che sono al vertice della catena alimentare e non temono di essere cacciati. Gli unici predatori (inusuali) dello squalo bianco sono: – Altri squali bianchi – Orche – Capodogli Quanti Denti Ha Il Megalodonte 2. Un singolo morso Con un singolo morso uno squalo bianco può staccare fino a 14kg di carne e un esemplare adulto può consumare cibo fino ad un quinto del proprio peso in un solo pasto.3. Potere sensoriale Grazie alla loro linea laterale (un organo sensibilissimo posto lungo tutto il loro corpo), gli squali possono rilevare una variazione di pressione nell’acqua anche a grande distanza e sanno esattamente cosa nuota intorno a loro ancor prima di vederlo con gli occhi. Quanti Denti Ha Il Megalodonte 5. Gli attacchi Dal 2000 ad inizio 2012 sono stati documentati 66 attacchi “spontanei” all’uomo. Di questi 66, 14 sono stati fatali.6. Infortuni Gli squali bianchi mordono per capire cos’hanno di fronte, ed è questa la spiegazione al relativamente basso rapporto che esiste tra attacchi e vittime. Quanti Denti Ha Il Megalodonte 7. Denti Gli squali bianchi hanno una fila principale di denti formata da 48-50 unità. Dietro questa prima fila, ci sono altre 5 o 7 file pronte a sostituire quelli persi durante la caccia. Un grande bianco, dunque, può avere in bocca fino a 350 denti contemporaneamente e, durante la sua esistenza, può cambiarne diverse migliaia.8.

  • Specie vulnerabile I grandi bianchi solcano i nostri oceani da milioni di anni.
  • La stupidità umana è riuscita a mettere in pericolo queste fantastiche creature, soprattutto a causa dell’insulsa tradizione asiatica della “zuppa di pinne di squalo”.
  • I bianchi, infatti, vengono pescati solo per le loro pinne e per le mandibole, vendute come trofeo.

Il resto del corpo viene buttato via. Una delle più grandi sfide dell’uomo nel 21° secolo è il mantenimento degli ecosistemi. Facciamo in modo di non essere stupidi, diamo una mano a difendere gli oceani e i loro abitanti. Abbiamo solo da guadagnare! Gli squali sono tra le creature più affascinanti della Terra e possono essere avvicinati in modo responsabile ed eco-sostenibile, magari facendo snorkelling o delle immersioni guidate, con persone competenti e in totale sicurezza.

Qui vi proponiamo 5 destinazioni da sogno per incontrare tête a tête gli squali più emozionanti. Enjoy! INFORMAZIONI Dove: nella zona sud di Simonstown, Cape Town, Sudafrica. Quando: tutto l’anno. Temperatura dell’acqua: è generalmente compresa tra i 20 gradi (nei mesi estivi, corrispondenti ai nostri invernali) e i 10 gradi (nei mesi invernali).

Dunque sono consigliabili una muta semistagna o una umida a più strati, molto calde, con guanti. Cosa si vede: squali bianchi, in gabbia e dalla barca; inoltre, durante altre immersioni costiere, broadnose sevengill shark, foche del Capo, pesci e crostacei tipici delle foreste di kelp.

Come sono i denti del megalodonte?

Evoluzione – Dente di megalodonte (nero) comparato a due denti (bianchi) di grande squalo bianco su una scala centimetrica: il dente di megalodonte è lungo 13,5 cm, mentre quelli di squalo bianco tra i 2 e i 3 cm. Sebbene i più antichi resti di megalodonte risalgano all’ Oligocene superiore e siano datati circa 28 milioni di anni fa, altre specie in competizione continuarono ad esistere anche dopo la sua evoluzione, tra i 16 e i 23 milioni di anni.

  1. Si ritiene che il megalodonte si estinse verso la fine del Pliocene, probabilmente circa 2,6 milioni di anni fa; i denti di megalodonte risalenti al Pleistocene, più recenti di 2,6 milioni di anni, sono considerati reperti inaffidabili.
  2. Il Megalodonte è adesso considerato membro della famiglia Otodontidae, genere Carcharocles, in opposizione alla precedente classificazione nella famiglia Lamnidae, genere Carcharodon,

La classificazione del megalodonte nel genere Carcharodon fu dovuta alle somiglianze dentali con il grande squalo bianco, ma la maggioranza degli esperti ora concorda che ciò si debba ad una convergenza evolutiva, In questo modello, il grande squalo bianco è più strettamente imparentato con lo squalo Isurus hastalis che con il megalodonte, come si può evincere dalle somiglianze fra i denti di queste due specie; i denti del megalodonte hanno dentellature più fini di quelle dei denti del grande squalo bianco.

Quanto vale un dente di un megalodonte?

Dente di Carcharocles megalodon Molti clienti e collezionisti che si chiedono perche il prezzo dei denti Megalodon cambi anche parecchio tra un esemplare ed un altro. Perché un dente da 15cm costa meno di un dente da 10 cm, n on dovrebbe essere più costoso? I fossili sono tutti unici, quindi ovviamente il prezzo è un po’ soggettivo, ma ci sono molti fattori che contribuiscono a stabilire un prezzo su un dente Megalodon.

  • Misure: A parità di tutti gli altri fattori, più grande è il dente, più vale.
  • I denti diventano progressivamente più rari all’aumentare delle dimensioni, quindi aumenta anche il prezzo.
  • Una volta che inizi a raggiungere determinate dimensioni, questo aumento di prezzo inizia a diventare esponenziale, poiché i denti più grandi sono più difficili da trovare.

I più grandi denti Megalodon mai ritrovati hanno raggiunto l’incredibile dimensione di 190 mm e sono stati messi sul mercato anche oltre 25.000euro. Una nota sulle misure delle taglie, i denti di Megalodon vengono sempre misurati utilizzando la lunghezza diagonale dall’angolo della radice alla punta del dente.

  • La più lunga delle due diagonali è la lunghezza del dente.
  • Luogo di ritrovamento: Proprio come nel settore immobiliare, è tutta una questione di posizione.
  • I denti Megalodon completi sono comuni in alcune località, ma molto rari in altre.
  • Se un sito diventa inaccessibile alla raccolta, ad esempio la chiusura della miniera di Lee Creek, i prezzi automaticamente salgono.

In generale i denti dei depositi fluviali e oceanici nelle Carolina sono i meno costosi mentre i denti provenienti da siti terrestri come Bakersfield o Indonesia sono molto più rari. Siti diversi tendono anche a produrre colorazioni, modalità di conservazione e dimensioni uniche.

  • Condizione del dente: la condizione generale del dente ha un grande impatto sui prezzi.
  • Un dente “perfetto” (esiste davvero il perfetto? estremamente raro!) è molto raro e quindi il prezzo sarà molte volte più alto di un dente con solo alcuni piccoli difetti.
  • La maggior parte dei collezionisti apprezzerà la condizione sopra ogni altra cosa, mentre qualcuno che ha appena acquistato un dente come regalo per il proprio bambino potrebbe non trovare la condizione importante quanto le dimensioni.

Smalto: Quanto è presente e in che condizioni si trova? È comune che i denti più grandi abbiano quantità significative di smalto pelato, ossia che la superfice del dente stesso sia letteralmente staccata a strisce, come quando si pela un ortaggio. Condizione di radice : è completa? È molto comune che parti della radice vengano consumate, queste infatti possono tranquillamente rompersi o essere perse nel corso della fossilizzazione o semplicemente in sito durante l’estrazione.

La radice è la parte piu debole dell’intero dente, difatti non essendo esposta in quanto è saldamente ancorata all’interno della mandibola, non ha bisogno della mineralizzazione necessaria per non deteriorarsi agni agenti esterni, va da se che i denti completi di tutta la radice sono in realtà di poche unità su migliaia di esemplari ritrovati.

Dentellature : sono visibili e complete? Quanto sono affilati o usurati? Un buon dente lo si riconosce subito da uno smalto lucido e sopratutto una seghettatura ancora presente in ottime condizioni. la conservazione ottimale dipende molto dal luogo ritrovamento e processo di fossilizzazione, un dente medio, come quelli ritrovati in fondo al mare avrà quasi sicuramente una seghettatura assente o appena abbozzata, mentre invece un buon dente ritrovato all’interno di sedimenti suolla terra ferma tende a conservare in maniera notevole tale prestigioso dettaglio Punta: è consumata? Ha danni di alimentazione? I denti con una punta affilata sono l’eccezione, quindi aggiunge molto al prezzo fino a farlo anche raddoppiare.

  • Bourrelet:
  • Il bourrelet è una sottile fascia di smalto tra la lama e la radice, essa è consumata nella stragrande maggioranza dei denti, quindi avere un bourrelet completo o quasi completo è molto raro.
  • Restauro e riparazione:
  • Per riparazione si definisce l’incollaggio di un dente rotto per renderlo di nuovo integro, questa è una pratica comune ed accettata nel mondo scientifico, in quanto non viene altero il valore scientifico del reperto.
See also:  Cosa Succede Se Non Mi Lavo I Denti?

Il restauro è la ricostruzione di una porzione mancante più o meno estesa del fossile. Essa viene prodotta con stucchi particolari e modellata su quello che tramite comparazione con reperti similari dovrebbe essere la parte più o vero simile a quella mancante, colorandola in maniera piu vicina possibile al reperto originale, dando cosi l’illusione del reperto integro di tutte le sue componenti.

In questo caso spesso viene eseguita con la radice o porzioni di smalto, rendendo il dente”perfetto”, qualsiasi tipo di queste alterazioni influisce notevolemnte sul prezzo del fossile. È importante sapere cosa si sta acquistando. molti dei denti che si trovano in giro sono stati restaurati o riparati, s fortunatamente non tutti i venditori sono in grado di capire la bontà del reperto, e alcuni sono semplicemente disonesti anche quando viene chiesto.

Lucidatura: Un processo spesso utilizzato per pulire i denti Megalodon è lucidarlo per pulire la superficie,questo spesso aggiungerà anche un po’ di lucentezza allo smalto. Questa operazione è qualcosa considerato al limite dell’accettabile accettabile dalla maggior parte dei collezionisti neofiti.

Ma, “lucidare” un dente, d’altra parte, è, dove il dente viene lucidato a fondo al punto da rimuovere lo smalto per nascondere i difetti superficiali. Possiamo prendere un dente piuttosto brutto e opaco e lucidarlo per farlo sembrare piu attraente. Poiché questo processo in effetti provoca danni significativi al dente, il dente sarebbe molto meno prezioso di un dente non lucidato.

La maggior parte dei collezionisti non è interessata ai denti levigati. Colorazione unica – A volte un dente avrà una colorazione unica per il sito in cui è stato trovato e questi denti avranno un piccolo plus nel loro valore. Forma e posizione in bocca – La posizione in cui si trovava il dente nella bocca determina la forma.

I denti inferiori saranno a forma di pugnale mentre i denti posteriori saranno corti e larghi. Alcuni collezionisti preferiscono denti di forma diversa in base ai propri gusti o scelte collezionistiche. Patologie della crescita – Tutto ciò che rende un dente unico e più raro può renderlo più prezioso per i collezionisti.

Patologie o deformazioni avvenute mentre lo squalo era in vita possono rendere prezioso un dente. Ci sono collezionisti specializzati nella raccolta di denti unicamente con patologie.

  1. Noi di Paleobusiness, tendiamo sempre a valorizzare il reperto esattamente come è in natura, le uniche tappe in laboratorio sono necessarie per rimuovere il reperto dalla roccia che gli sta intorno e che ne è stata guscio protettivo per milioni di anni, rendendolo fruibile a musei e collezionisti.
  2. Il presente dente è naturale al 100%
  3. Non sono state eseguite opere di restauro, riparazione o lucidatura.

Come mai si è estinto il megalodonte?

L’estinzione dello squalo megalodonte – Il megalodonte era il re indiscutibile dei mari: si nutriva di prede di diverse dimensioni (tra cui le grandi balene) ed aveva una preferenza per le calde acque dei tropici come luogo per la riproduzione. Purtroppo però, più o meno all’improvviso, la popolazione di questi squali ha cominciato a perdere sempre più esemplari, fino a raggiungere la completa estinzione.

Cambiamento climatico : a seguito della grande glaciazione i mari divennero molto più freddi, riducendo l’habitat e le aree di riproduzione del megalodonte. Mancanza di cibo: alcuni paleontologi sostengono che, data la scarsità di cibo, alcuni megalodonti abbiano fatto ricorso al cannibalismo. Competizione con altre specie: la comparsa di altre specie, sebbene di dimensioni più piccole, erano un’ulteriore concorrenza nella ricerca di cibo.

Secondo l’opinione corrente dei paleontologi, la combinazione di queste tre cause spiegherebbe perché lo squalo megalodonte si sia estinto.

Quando è morto l’ultimo megalodonte?

QUANDO SI È ESTINTO IL MEGALODONTE? – L’estinzione del megalodonte risale alla fine del Pliocene, 2,6 milioni di anni fa, anche se non è chiaro quando sia morto l’ultimo esemplare mai esistito. Probabilmente 3,6 milioni di anni fa.

Qual’è lo squalo più pericoloso del mondo?

Grande squalo bianco, il più pericoloso – Lo squalo bianco è il predatore più pericoloso. Noto anche come Carcharodon carcharias, vive nelle acque temperate, anche se è capitato talvolta di avvistarlo anche nelle aree boreali e nelle zone tropicali. Capace di arrivare fino a 6-7 metri di lunghezza e con un peso medio che varia tra i 500 e i 1.000 kg lo squalo bianco è una delle specie più grandi, e si riconosce per la pinna dorsale a forma triangolare e per il muso appuntito.

Dove si trova l’ultimo megalodonte?

Avvistato megalodonte: il mostro marino si trova nella fossa delle Marianne? La verità Il Megalodonte è uno squalo dalle dimensioni pazzesche. Un mostro marino realmente esistito fino a 3,6 milioni di anni fa. Eppure ci sono diverse testimonianze che concordano su avvistamenti che fanno che l’animale sia ancora in vita. Quanti Denti Ha Il Megalodonte Si pensa infatti che sia proprio il Sud Africa la zona in cui il grosso predatore abbi abitato per milioni di anni. Il Megalodonte è una creature dalle dimensioni enormi. Può raggiungere il 20 metri di lunghezza e pesare quanto uno yacht di medie dimensioni.

Che cosa mangia il megalodonte?

Il Megalodon, il gigantesco squalo del passato, si nutriva di piccole balene.

Quanto è pericoloso il megalodonte?

Stando agli esperti, se fosse ancora vivo il megalodonte potrebbe divorare una balena in cinque morsi. Le immense fauci del megalodonte messe a confronto con un essere umano.

Dove sono stati avvistati gli squali in Italia?

Gli squali nel Mediterraneo – I pesci cartilaginei sono una delle famiglie di pesci più grandi e variegate nel mondo, e nella nostra zona del Mediterraneo non fanno eccezione. Ci sono più di 50 specie di squali, razze e chimere che nuotano nei nostri mari, ognuna con caratteristiche e comportamenti unici.

  1. Gli squali lamnidi, come lo squalo bianco e lo squalo mako, sono tra i più temuti e conosciuti, ma ce ne sono altrettanto interessanti come la verdesca e lo squalo bronzeo.
  2. Lo squalo toro è un odontaspididi particolarmente imponente, mentre lo squalo volpe appartiene alla famiglia degli alopidi.
  3. Infine, lo squalo martello maggiore è un sfirnidi particolarmente affascinante, mentre lo squalo elefante è un cetorinide che non manca di stupire.

In breve, i pesci cartilaginei sono una delle famiglie di pesci più interessanti e affascinanti che popolano il Mediterraneo, e vale la pena di prendersi il tempo di conoscerli meglio. Numerosi sono stati gli avvistamenti di squali nelle regioni italiane di Campania, Liguria, Sicilia, Calabria, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Qual è l’animale più grande del megalodonte?

Il video pazzesco dello squalo più grande che sia mai esistito, un gigante incredibile Quanti Denti Ha Il Megalodonte Cat Gennaro Getty Images Qual è lo squalo più grande che abbia mai solcato i mari? Beh, la specie si chiama Carcharodon megalodon, ma detta così non ci suona famigliare. Ed è normale. La vera assurdità è quanto, questo squalo è grande: quasi venti metri.

  • Cioè quattro o cinque auto in fila.
  • Sembrano dimensioni esagerate? Eppure sono reali.
  • Questa era la grandezza del magalodonte, lo squalo più grande mai esistito.
  • Oramai si tratta di una specie estinta, ma i suoi fossili sono stati trovati in più parti del mondo e la prima cosa che ha colpito gli studiosi è stata soprattutto una: la grandezza dei denti.

Sono denti di squalo, uguali a quelli degli squali moderni, ma grandi sei o sette volte tanto, grandi quanto una mano umana. Da qui si è capito che lo squalo era anche all’epoca, milioni di anni fa, un abile predatore, solitario e tendente alla caccia. Quanti Denti Ha Il Megalodonte Ethan Miller Getty Images Nell’immagine qui sopra possiamo provare a leggere le reali dimensioni del megalodonte: una persona adulta, in piedi, poteva stare dentro le sue fauci spalancate. Un vero e proprio gigante. Oggi nessun predatore raggiunge queste dimensioni.

  1. Solo la balenottera azzurra raggiunge i venti metri di lunghezza, ma non ha una dieta paragonabile a quella dello squalo megalodonte.
  2. Lo squalo balena, invece, oggi può raggiungere i dieci metri, ma si nutre di piccolissimi pesci ed è, appunto, più simile a una balena.
  3. E dieci metri sono circa la metà, di quelli del magalodonte.

Insomma, parliamo di un vero alieno per i nostri ecosistemi. Immaginarlo è difficilissimo. Ma chi attaccava il megalodonte? Beh, si trattava di un superpredatore, gli scienziati stimano che fosse alla cima esatta della catena alimentare oceanica, quindi, essenzialmente poteva cacciare chiunque.

  1. E non essere mai cacciato, come succede oggi al grande squalo bianco.
  2. Nel video qui sotto vediamo una ricostruzione di come il megalodonte doveva vedersela con le prede e i suoi avversari naturali.
  3. Un video perfetto per farci un’idea dello splendore e delle dimensioni di questo animale ormai scomparso.

This content is imported from YouTube. You may be able to find the same content in another format, or you may be able to find more information, at their web site. : Il video pazzesco dello squalo più grande che sia mai esistito, un gigante incredibile

See also:  Sbiancamento Denti Ogni Quanto?

Quanti denti ha i cavalli?

Veterinaria

di Emanuela Valle, medico veterinario ippiatra, docente Università di Torino Nella bocca di un cavallo adulto ci sono generalmente 40 denti, La cosiddetta formula dentaria per ogni emiarcata comprende: 3 incisivi superiori e 3 inferiori, 1 canino sopra e uno sotto, 3 premolari sopra e 3 sotto e infine un numero uguale di molari.

Il totale, moltiplicato per 2, restituisce il risultato di 40 denti. Se questo è il numero standard per i maschi, nelle femmine può essere più variabile. Infatti generalmente le femmine non possiedono i canini e dunque hanno 36 denti. Se sono presenti i canini, la femmina è chiamata in gergo “scaglionata”.

Va poi detto che un numero variabile tra il 20 e il 30% dei cavalli possiede i cosiddetti “lupini” o denti di lupo: sono piccoli denti che corrispondono al residuo vestigiale del primo premolare e sono localizzati soprattutto a livello della mascella, mentre sono molto rari a livello della mandibola. Quanti Denti Ha Il Megalodonte I denti del cavallo adulto, al contrario di quelli dell’uomo, crescono continuamente di 1-1,5 mm all’anno, Questa crescita continua del dente, che si consuma gradualmente, si ferma intorno ai 20-23 anni di età: non c’è infatti un preciso momento, ma la crescita del dente termina in periodi variabili rendendo così piano piano meno efficiente la masticazione del cavallo.

Ipsodonti: sono dentiad accrescimento pressoché continuo che si protrae fino alla vecchiaia, quando la crescita del dente termina. In pratica, durante la vita del cavallo, il dente si accresce lentamente, mentre la masticazione continua del foraggio consuma il dente lentamente. Anisognati: i denti non combaciano perfettamente, in quanto l’arcata mascellare superiore è circa il 30% più grande di quella mandibolare inferiore. Questa particolarità, insieme all’anglo masticatorio della superficie dei denti, permette una masticazione particolare definita laterolaterale che consente di frantumare l’alimento fibroso in modo da ottenere frammenti di alimento sminuzzato attaccabili dagli enzimi digestivi. Difiodonti: possiedono una dentatura da latte che viene poi sostituita dai denti definitivi o permanenti.

Quanti Denti Ha Il Megalodonte La regola dei sei : per ricordarsi quando spuntano i denti incisivi da latte si usa la regola del 6 giorni per gli incisivi, 6 settimane per i mediani e 6 mesi per i cantini. Queste tempistiche sono indicative perché da soggetto a soggetto si possono avere variazioni fisiologiche del momento in cui i denti erompono Ogni ciclo di masticazione del fieno comprende circa una masticazione al secondo,

  • Generalmente il cavallo per ogni bocconata compie 8-10 masticazioni prima di passare alla successiva.
  • Un cavallo che mastica bene infatti ha una masticazione ritmica e costante.
  • Questo vuol dire che il cavallo adulto sano compie dai 3.500 ai 3.800 atti masticatori in un’ora, che è il tempo impiegato per assumere circa 1,5-1,8 kg di fieno di primo taglio.

Questo dipende dall’età del soggetto e dalla sua voracità. Esistono infatti cavalli più voraci che nello stesso tempo masticano più in fretta arrivando a compiere anche 11 atti masticatori in 10 secondi, mentre altri più lenti e moderati. Questo potrebbe non solo essere dovuto alla personalità del cavallo ma anche a caratteristiche della morfologia della testa, come ampiezza della bocca e della tavola dentaria. Quanti Denti Ha Il Megalodonte I pony sono per loro natura più voraci e compiono molte più masticazioni al minuto. Questo fa sì che possano assumere maggiori quantità di cibo nella stessa unità di tempo. Lo stato di usura dei denti e la frequenza dei controlli veterinari (in particolare il pareggio della tavola dentaria) influenzano la masticazione del cavallo. Quanti Denti Ha Il Megalodonte Cercare cibo e masticare è per il cavallo un vero e proprio lavoro che lo tiene impegnato e gli consente di produrre la saliva essenziale per lubrificare l’alimento, ma anche per tamponare l’acidità dello stomaco, grazie al suo contenuto di bicarbonato.

Se per 1 kg di fieno un cavallo adulto e sano, di circa 550 kg, produce circa 4-5 litri di saliva, si può ipotizzare che per un’ora di assunzione dello stesso alimento, ne produca circa 6 litri consumando all’incirca un chilo e mezzo di fieno o poco più. Le caratteristiche della tavola dentaria, insieme alla masticazione prolungata, ci fanno capire che i denti del cavallo richiedono attenzioni particolari : vanno controllati con periodicità non solo nel cavallo anziano ma in tutti i cavalli.

Il problema più tipico è quello della formazione delle cosiddette punte di smalto, che si formano sul margine esterno dei premolari e dei molari superiori e quello interno dei denti inferiori. Questo perché il movimento masticatorio, di tipo latero laterale, descrive la forma di un otto panciuto in seguito all’oscillazione della mandibola sulla mascella: in questo modo il cavallo ottiene un effetto macina che sminuzza l’alimento finemente.

  1. Se non opportunamente pareggiate, le punte di smalto sono fastidiose per il cavallo: possono ferire la mucosa soprattutto nelle porzioni posteriori della guancia o della lingua.
  2. I tagli possono poi ulcerarsi creando molto dolore.
  3. Purtroppo, essendo molto in fondo al cavo orale, non sono visibili alla semplice apertura della bocca del cavallo, quindi per un controllo appropriato della bocca occorre chiamare il nostro veterinario di fiducia che si avvale di un apribocca per controllare al meglio la presenza di eventuali problemi.

Il controllo dei denti dovrebbe essere fatto su base annuale : tempi più brevi o più lunghi possono essere decisi in funzione dei consigli del veterinario curante. Per mantenere sana la masticazione, oltre ad effettuare controlli regolari dei denti, è bene impostare un’alimentazione basata sulla fibra,

  1. Se non è possibile garantire al cavallo il pascolamento su prati adeguati, è bene fornire foraggio come il fieno.
  2. Generalmente una buona dieta deve comprendere quote di fieno di primo taglio intorno al 2% del peso dell’animale, diciamo 10-10,5 kg al giorno per un cavallo di 550 kg, eventualmente associato ad altri alimenti in funzione delle sue esigenze energetiche specifiche e dei suoi fabbisogni.

Il fieno deve essere di buona qualità e ben distribuito nell’arco della giornata. A questo deve però essere sempre associata la possibilità di passare alcune ore al paddock: se c’è poca erba lasciamo a disposizione qualche fetta di fieno. Dopo qualche corsa e sgroppata sicuramente si metterà a smangiucchiare godendosi l’effetto della libertà del paddock. Quanti Denti Ha Il Megalodonte Idealmente, il cavallo dovrebbe essere gestito in gruppo con i suoi simili e in grandi spazi dove possa pascolare. Qualora ciò non sia possibile per mancanza di spazi adeguati, il fieno somministrato deve essere di buona qualità e ben distribuito nell’arco della giornata; a questo deve però essere sempre associata la possibilità di passare alcune ore al paddock insieme agli altri cavalli.

  • Se c’è poca erba, lasciamogli a disposizione qualche fetta di fieno: dopo qualche corsa e sgroppata sicuramente si metterà a smangiucchiare godendosi la sensazione di libertà.
  • IHP è un’associazione indipendente che opera per la tutela dei cavalli e degli altri equidi, contrasta maltrattamenti e abusi, lavora per un cambiamento normativo e culturale anche attraverso la divulgazione scientifica.

Inoltre gestisce il primo Centro di recupero in Italia per equidi sequestrati per maltrattamento, riconosciuto con Decreto del Ministero della Salute del 23 dicembre 2009. IHP non riceve fondi pubblici per le attività istituzionali, né rimborsi dalle Procure per gli animali affidati in custodia giudiziaria.

Quanti peni ha uno squalo?

Pikaia – Lo famo strano: una rassegna degli organi copulatori dei vertebrati (Parte I) Non è quindi con l’ottica del voyeur zoofilo che vorrei che fosse letto questo post, ma con quella dell’evoluzionista che riesce ancora a stupirsi della incredibile fantasia della natura.

Ho dovuto restringere il campo ai vertebrati per ragioni di semplicità e brevità, ma ciò, beninteso, non significa certo che gli invertebrati siano da meno. Tra i vertebrati i pesci, bisogna ammetterlo, non sono noti per le loro capacità amatorie, preferendo di solito la riproduzione esterna, dato che hanno l’acqua a fare da mezzo di trasporto per le cellule della riproduzione, i gameti.

Il sistema tuttavia è svantaggioso perchè non solo non elimina la difficoltà di cercare e corteggiare un partner, ma richiede anche la dispendiosa produzione di un numero altissimo di uova e spermatozoi. Se non altro però elimina il problema di fondo, che consiste nel convincere una femmina riottosa, poco intelligente e poco collaborativa a stare ferma durante il “rifornimento in volo”, e quindi, con ben poche eccezioni, viene preferito.

  1. Laddove tuttavia le femmine hanno evoluto viviparità, cioè ritengono gli embrioni nel proprio corpo per proteggerli e nutrirli, i maschi hanno dovuto evolvere un pene per non doversi affidare al caso e garantirsi la paternità dei pochi embrioni.
  2. Ciò è avvenuto in diversi casi esemplari tra i pesci, in maniera indipendente e adottando la stessa soluzione all’annoso problema: da quale parte del corpo evolvere le tubature per il trasferimento dello sperma? La risposta a quanto pare è sempre la stessa: dalle pinne anali, le stesse da cui derivano le nostre gambe.

Tutti i condroitti, cioè i pesci cartilaginei come squali e razze, hanno un pene anche se non tutti sono vivipari (ma evidentemente lo era l’antenato comune, oppure sto confondendo la causa con l’effetto e l’evoluzione di un pene può portare alla viviparità).

  • Ad essere precisi gli squali non hanno un pene, ma ben due emipeni (in termini tecnici, pterigopodi), per via che le pinne anali sono due e si sono solo modificate, e sono permanentemente rigidi (un’immagine).
  • Sul lato interno di ciascun emipene c’è una specie di grondaia e al momento della copula i due emipeni entrano singolarmente o si possono unire facendo combaciare le grondaie e formando un solo organo dotato di un canaletto entro cui scorre lo sperma.
See also:  Perche I Denti Diventano Grigi?

Gli emipeni in inglese si chiamano ” clasper ” (afferratore), ma il nome è scorretto dato che non servono a tener ferma la femmina durante la copula, che in realtà spesso somiglia più ad uno stupro di massa che ad un atto d’amore. Per tener ferma la sventurata femmina i maschi le afferrano le branchie coi denti e molto spesso le lasciano profonde ferite che cicatrizzano vistosamente.

Le chimere invece, un gruppo che si è separato molto presto dal resto degli squali e che depone le uova, hanno un terzo clasper retrattile sulla fronte, e forse neanche questo serve davvero a tener ferma la femmina. Il secondo gruppo di pesci superdotati (o, se non altro, dotati, a differenza degli altri) è quello dei Poeciliidae, che comprende i, i platy e i black molly, pesci d’acqua dolce e calda comunissimi nelle vasche degli acquariofili dilettanti, ma anche le gambusie che si usano nella lotta alle zanzare.

Tutti i pecilidi americani sono vivipari (la madre provvede anche nutrimento per l’embrione) e a fecondazione interna, mentre tutti quelli africani sono ovipari e a fecondazione esterna. In questi pesci la pinna anale alla pubertà si modifica: il terzo, quarto e quinto raggio si allungano moltissimo, gli altri raggi si accorciano e le due pinne si uniscono formando un gonopodio, una struttura tubolare che ha sia forma che funzioni di pene ed è in contatto con i vasi deferenti che portano lo sperma dai testicoli.

Mi divertivo a osservare i guppy che avevo in acquario, dato che questi pesci sono dei veri e propri maniaci dei giardinetti, gli manca solo l’impermeabile: appena passava una femmina il gonopodio veniva eretto e portato in avanti, o lateralmente, puntando verso la femmina (un’immagine). Degli uncini terminali fanno si che l’aggancio regga anche se l’acqua è turbolenta, e lo sperma viene trasferito: basta che la femmina resti ferma accanto al maschio pochi secondi.

Come compenso per la velocità, il gonopodio dei pecilidi può essere lungo anche metà della lunghezza totale del corpo del maschio. Anche i pesci delle famiglie Anablepidae, Goodeidae e Cottidae hanno il gonopodio che usano come organo copulatorio, e tutte le volte sembra si sia evoluto indipendentemente: come dire che la necessità crea l’organo.

I Poeciilidae africani, piu’ romantici e meno pratici, usano invece il gonopodio come ventaglio, per spingere gli spermi verso la femmina. Gli anfibi non sono molto diversi dai pesci sotto questo aspetto, e la fertilizzazione esterna è quasi la norma, con al meglio un contatto tra la cloaca del maschio e quella della femmina.

Quasi, però. Ci sono infatti due eccezioni singolari: la prima riguarda una famiglia molto primitiva di rane nord-americane che comprende solo due specie ( Ascaphus montanus e Ascaphus truei ) dette saggiamente “rane con la coda”, solo che la coda non è una coda (un’immagine).

Si tratta invece di una estensione della cloaca che viene usata come organo copulatore per la fertilizzazione interna di queste rane: una mossa saggia, visto che vivono in corsi d’acqua molto veloci che porterebbero via le uova. Ne consegue che le rane con la coda femmine non hanno la coda, e che ancora una volta la “coda” si è evoluta del tutto indipendentemente, questa volta da un organo differente, la cloaca, che in queste rane è permanentemente estroflessa.

Il secondo gruppo di anfibi “con la coda” è costituito dalle, L’organo copulatorio del maschio in questo caso si chiama phallodeum ed e’ costituito dalla parte terminale della cloaca che viene estroflessa e poi reintroflessa alla fine della copula grazie a muscoli specializzati (un’immagine).

La forma del phallodeum cambia da specie a specie, in alcune cecilie africane e’ addirittura spinoso, mentre la forma della cloaca femminile varia poco tra le specie. La copula nelle cecilie dura anche diverse ore, quindi i muscoli che evertono e tengono eretto il phallodeum devono essere possenti, ed infatti sono coinvolti anche i muscoli della parete del corpo.

E’ presente anche una ghiandola (Mülleriana) il cui secreto crea il medium adatto per gli spermatozoi, un primitivo tentativo di prostata, se vogliamo, laddove negli squali lo sperma viene semplicemente mescolato ad acqua di mare. Diciamo che rispetto alle salamandre, che fanno sesso per corrispondenza dato che il maschio passa un pacchetto con gli spermi alla femmina, le cecilie sono da Kamasutra.

  1. E ancora una volta, molte cecilie sono vivipare o ovovivipare.
  2. Anche tra gli uccelli gli organi copulatori non sono tenuti in particolare riguardo, dato che la maggior parte si limita al breve contatto tra le due cloache, detto romanticamente “bacio cloacale”.
  3. Esistono comunque eccezioni molto interessanti anche in questo caso: gli uccelli con un pene ammontano a circa il 3% di tutte le specie.

Una spiegazione comune che viene data per la preferenza del bacio cloacale è che in questo modo le femmine possono evitare meglio accoppiamenti forzati e controllare con più facilità quale spermatozoo raggiungerà l’uovo. Io aggiungerei che nessun uccello è viviparo o ovoviviparo, e ancora una volte i due eventi (oviparità e assenza del pene) sembrano collegati, sebbene gli uccelli abbiano cure parentali estese.

  1. Un gruppo di uccelli interessante per la presenza di un vero e proprio pene sono i ratiti, ovvero gli struzzi, gli emù, i nandù, i casuari, i kiwi e i tinamou, più gli estinti uccello elefante e moa.
  2. L’organo copulatore anche in questo caso deriva da un’estroflessione della cloaca (un’immagine), ma a questo punto dobbiamo fare un passo indietro, visto che sto usando un po’ troppo questo termine: cos’è la cloaca? E’ l’apertura unica di quasi tutti i vertebrati, dove sfociano sia l’apparato riproduttore che quello escretore che quello digerente.

Insomma, serve sia al passaggio di urina e feci che di spermatozoi e uova. Nome molto appropriato, direi. Noi mammiferi abbiamo invece un’uscita per ciascun apparato. Il fallo è un tubo di tessuto contenuto all’interno della cloaca, di colore rosso vivo per via dei vasi sanguigni.

Al momento della copula si gonfia non per il sangue come accade a noi ma per la linfa, e si rovescia fuoriuscendo. Immaginate il dito di un guanto rigirato all’interno che viene spinto verso l’esterno nella sua posizione normale: la superficie a contatto con la femmina è quella che a riposo è all’interno.

Su questa superficie si trova un canaletto aperto, in cui scorre lo sperma proveniente dai tubuli seminiferi che sboccano nella cloaca. Per la prima volta in questo post, finalmente, anche le femmine hanno un organo comparabile, che viene per l’appunto detto clitoride ed è molto simile come struttura, solo più piccolo.

In alcuni casi, come nel casuario il clitoride è così grande che la femmina viene considerata androgina o ermafrodita dalle tribù locali. L’altro grande gruppo di uccelli superdotati sono gli anatidi (anatre, oche e cigni), che necessitano di un fallo per via delle abitudini sessuali spesso promiscue: in diverse specie, all’estremità del pene a forma di cavatappi c’è uno “spazzolino” che serve a pulire le vie genitali femminili dallo sperma dei concorrenti, e aumenta le probabilità di paternità; una specie di scovolino sessuale, insomma, che nelle anatre è in media tra i 5 e i 9 cm, nelle oche è più ridotto.

Ed è proprio tra le anatre che si ritrova il John Holmes dei vertebrati, il gobbo rugginoso argentino ( Oxyura vittata ), di cui è stato rinvenuto un esemplare con un fallo di 42.5 cm, più lungo del corpo dell’animale, e per giunta ricoperto di spine lungo tutta la sua lunghezza (nell’immagine in alto).

Le vie sessuali femminili, corrispondentemente, sono contorte e convolute, in modo da garantire alla femmina un minimo di controllo sulla paternità: se il maschio non imbocca la strada giusta, che si apre a sinistra nella cloaca, il che può accadere se il maschio ha fretta perché sta forzando l’accoppiamento, le possibilità riproduttive diminuiscono.

E’ dimostrato però che i maschi con un organo copulatore più lungo, nelle anatre, hanno un maggiore successo riproduttivo, il che spiega la selezione di organi tanto anomali. Non è noto quale porzione di questo lunghissimo organo riproduttore venga introdotto nella femmina, ma l’ipotesi che la struttura venga utilizzata come una coda di pavone per impressionare la femmina è stata contestata come antropocentrica.

In ogni caso, l’organo (come negli struzzi) è contenuto in una tasca all’interno della cloaca e presenta dei canali laterali a grondaia per il trasporto dello sperma. Altri uccelli, come i fenicotteri, hanno un pene, ma è in generale di dimensioni più modeste. Un’ultima considerazione: l’antenato comune degli amnioti, rettili, uccelli e mammiferi, aveva un pene.

Questo significa che quest’organo è andato perso nel 97% degli uccelli, e probabilmente la “scelta” evoluzionistica di questa perdita è stata fatta dalle femmine. Se pensate che vostra moglie sia castrante, ringraziate di non essere un passero. Tratto da, il blog di Lisa Signorile : Pikaia – Lo famo strano: una rassegna degli organi copulatori dei vertebrati (Parte I)